LA CENERENTOLA: Signore, una parola (Act I)

CD 1, Track 1

 

Music: Gioacchino Rossini

Text: Jacopo Ferretti

 

CENERENTOLA

Una parola.

Signore, una parola:

In casa di quel Principe

Un'ora, un'ora sola

Portatemi a ballar.

 

DON MAGNIFICO

Ih! Ih! La bella Venere!

Vezzosa! Pomposetta!

Sguaiata! Cova-cenere!

Lasciami, deggio andar.

 

DANDINI

Cos'è? qui fa la statua?

RAMIRO

Silenzio, ed osserviamo.

 

DANDINI

Ma andiamo o non andiamo!

 

RAMIRO

Mi sento lacerar.

 

CENERENTOLA

Ma una mezz'ora... un quarto.

 

DON MAGNIFICO

Ma lasciami o ti stritolo.

 

RAMIRO e DANDINI

Fermate.

 

DON MAGNIFICO

Serenissima!

Ma vattene. - Altezzissima!

Servaccia ignorantissima!

 

RAMIRO e DANDINI

Serva?

 

CENERENTOLA

Cioè...

 

DON MAGNIFICO

Vilissima

D'un'estrazion bassissima,

Vuol far la sufficiente,

La cara, l'avvenente,

E non è buona a niente.

Va' in camera, va' in camera

La polvere a spazzar.

 

DANDINI

Ma caro Don Magnifico

Via, non la strapazzar.

 

RAMIRO

Or ora la mia collera

Non posso più frenar.

 

CENERENTOLA

Signori, persuadetelo;

Portatemi a ballar.

Ah! sempre fra la cenere

Sempre dovrò restar?

 

ALIDORO

Qui nel mio codice

Delle zitelle

Con Don Magnifico

Stan tre sorelle.

Or che va il Principe

La sposa a scegliere,

La terza figlia

Io vi domando.

 

DON MAGNIFICO

Che terza figlia

Mi va figliando?

 

ALIDORO

Terza sorella...

 

DON MAGNIFICO

Ella... morì...

 

ALIDORO

Eppur nel codice

Non v'è così.

 

CENERENTOLA

(ponendosi in mezzo con ingenuità)

No, non morì.

 

DON MAGNIFICO

Sta' zitta lì.

 

ALIDORO

Guardate qui!

 

DON MAGNIFICO

Se tu respiri,

Ti scanno qui.

 

RAMIRO, DANDINI e ALIDORO

Dunque morì?

 

DON MAGNIFICO

Altezza sì.

 

TUTTI

Nel volto estatico

Di questo e quello

Si legge il vortice

Del lor cervello,

Che ondeggia e dubita

E incerto sta.

 

DON MAGNIFICO

Se tu più mormori

Solo una sillaba

Un cimiterio

Qui si farà.

 

CENERENTOLA

Deh soccorretemi,

Deh non lasciatemi,

Ah! di me, misera

Che mai sarà?

 

RAMIRO

Via consolatevi.

Signor lasciatela.

(Già la mia furia

Crescendo va.)

 

ALIDORO

Via meno strepito:

Fate silenzio.

O qualche scandalo

Qui nascerà.

 

DANDINI

Io sono un Principe,

O sono un cavolo?

Vi mando aI diavolo:

Venite qua.

 

Text provided by César Dillon

Sung in Italian

The Complete Conchita Supervia vol. 2
Fonotipia/Odeon 1929-1930